Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

‘A Mamma Bruna: il culto della Madonna del Carmine

0

Madonna-del-CarmineOggi, 16 luglio, a Napoli festeggiamo la Madonna del Carmine a cui è stata dedicata una basilica nella storica piazza Mercato.

Noi tutti napoletani  veneriamo con un culto particolare la Vergine, la cui storia (o meglio la storia dell’effige) risale addirittura all’epoca della persecuzione dei saraceni in Palestina, quando un gruppo di monaci carmelitani portò con se l’immagine della Madonna da essi venerata sul monte Carmelo.

Giunti a Napoli, ai monaci fu assegnata una piccola cappella dedicata a San Nicola, nella quale custodirono  l’immagine della Madonna in un luogo detto “la grotticella”. Questo dice la tradizione: in realtà il dipinto sembra opera di scuola toscana del 13° secolo!

All’immagine, dato anche il color della pelle della Madonna raffigurata, fu dato il nome di “Vergine Bruna”, in napoletano Mamma bruna.

Nel corso dei secoli, al quadro vennero attribuite doti taumaturgiche: Federico d’Aragona, ad esempio, ordinò che per il 24 giugno, giorno di mercoledì, tutti i malati del regno andassero  al Carmine per implorare la grazia divina per riprendersi dal loro stato di infermità.

Oggi la Madonna viene venerata il 16 luglio, con festeggiamento anticipato alla sera precedente, quando a Napoli si può osservare l’incendio del Campanile: con gli immancabili fuochi d’artificio la struttura viene “incendiata”, ovviamente nel rispetto delle misure di sicurezza… minime.

C’è un’espressione che ricorre frequentemente a Napoli: Madonna (0 mamma) d’ ‘0 Carmene, che riferiamo in casi di particalare apprensione o quando ci troviamo davanti ad episodi particolari e non speigabili.

Una curiosità: nella basilica furono celebrati i funerali di due grandi napoletani: nel 1967 quelli di Totò e nel 2006 quelli di Mario Merola.

Ah, dimenticavamo: a tutti i Carmine, Carmela, Carmen, ecc. i nostri auguri di buon onomastico!

 

 

Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.