Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Bentornata vittoria: Napoli – Chievo 3-1

0

Fotosud - NAPOLI CHIEVO NEWFOTOSUD38’ di sofferenza, da Chiriches a Chiriches.

Così può essere sintetizzato il primo tempo della partita contro i sempre ostici veneti, che al 1° ricevono un insperato regalo: il difensore centrale rumeno perde palla banalmente e lancia in gol Rigoni, ma al 38° rimedia di testa su magnifico cross di Jorginho.

In mezzo il gol di Pipita Higuain che dopo 3’ aveva già pareggiato i conti su assist di Ghoulam, riprendendo a segnare ad ogni partita come un orologio svizzero dopo che era andato in gol anche a Firenze, e sono 26.

Napoli bello, con grande controllo palla: guardando la partita in TV sembra che ci siano 22 maglie azzurre in campo contro 11 gialle del Chievo.

Tuttavia Napoli alquanto narcisista: non è necessario sempre finalizzare le azioni in maniera elegante come se fossimo a Barcellona: meglio essere più semplici e concreti.

Oltre alle due realizzazioni, almeno 7 le palle gol costruite nella prima frazione di gioco, due con Higuain, due con Insigne (la seconda clamorosa), un altro paio con Callejon e una con Ghoulam da fuori.

Grande serata di Koulibaly, sempre più possente e sicuro.

Nella ripresa il Chievo prova a raddrizzare la partita, non rinunciando ad affacciarsi dalle parti di Reina, senza però creare particolari pericoli: il San Paolo si spaventa solo per una palla fuori di poco non raccolta da Castro.

Gli Azzurri continuano a costruire con un Ghoulam molto attivo sulla fascia sinistra, ma sbagliano troppo: in particolare Insigne spara alto e Higuain coglie la traversa.

Sarri mette in campo Allan al posto di Lopez e il brasiliano illumina subito la partita, imbeccando Callejon in area che arrotonda il punteggio.

Buona prova generale: il Napoli fa pesare la propria superiorità e, pur commettendo qualche errore di troppo in fase realizzativa rispetto alla mole di gioco prodotta, mette comunque a segno tre gol e soprattutto ricomincia a vincere tenendo a bada la Roma.

 

 

Mario Scalella

Nato a Napoli, vive a Milano dall’anno del primo scudetto azzurro. Laureato in giurisprudenza, lavora presso l’ufficio legale di un noto gruppo bancario. Ha giocato a calcio, ottenendo migliori risultati nel canottaggio e nella pallanuoto nel cui ambito ha anche maturato esperienza da dirigente sportivo. Ha collaborato con WaterpolOnline ed altre testate sul web che si occupano di sport, di Napoli e di napolitudine.