Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Brutto avvio per il Napoli di Sarri

0

7a5346e9aea570e257cecce941831b86_169_lSassuolo – Napoli 2-1

Inizio molto deludente del Napoli di Sarri: gli Azzurri non vincono dal 18 maggio (3-2 al Cesena) e inanellano la prima sconfitta dopo le ultime due della scorsa stagione agonistica.
Primi minuti arrembanti con il Napoli che ha una gran voglia di conquistare i tre punti: Hamsik realizza il tapin vincente sul tiro di Higuain.
Poi sale in cattedra il Sassuolo, squadra con modesti giocatori ma ben rodata, visto che mantiene lo stesso allenatore da almeno un triennio e il centrocampo del Napoli scompare completamente: Reina salva almeno 3 volte il risultato ma nulla può su un eccellente inserimento di Floro Flores ottimamente lanciato da Berardi a coronamento di un’azione iniziata da Paolo Cannavaro.
E’ la specialità del Napoli: rilanciare i propri ex, oppure rivitalizzare giocatori spenti da tempo.
Nel secondo tempo il Napoli riprende in mano le redini ma sempre in maniera confusa e poco concreta e nel momento di massima spinta c’è l’immancabile svarione difensivo con incornata vincente di Sansone.
Troppa ammuina.
Nessuno che abbia messo palla a terra e abbia tentato di ragionare. Diceva Benitez sine priza sine pausa, stasera di fretta gli Azzurri ne hanno avuta troppa.
El Kadduri subentrato negli ultimi 30′ nettamente meglio di Insigne.
Maggio buono in appoggio, ma gran parte dei rischi alla porta di Reina sono arrivati dalla sua zona.
Difesa spesso imbambolata,
Mertens fuori ruolo.
Hamsik migliore dei suoi ma, come al solito, nella parte centrale della gara è scomparso.
C’è molto da lavorare, senza ambizioni di sorta, per questo Napoli ancora una volta incompleto nei reparti arretrati e senza una mente pensante in avanti almeno fin che il gioco dipenderà da un insipido Insigne.

Mario Scalella

Nato a Napoli, vive a Milano dall’anno del primo scudetto azzurro. Laureato in giurisprudenza, lavora presso l’ufficio legale di un noto gruppo bancario. Ha giocato a calcio, ottenendo migliori risultati nel canottaggio e nella pallanuoto nel cui ambito ha anche maturato esperienza da dirigente sportivo. Ha collaborato con WaterpolOnline ed altre testate sul web che si occupano di sport, di Napoli e di napolitudine.