Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Candele corte con asparagi verdi e guanciale

0

Candele-corte-con-asparagi-verdi-e-guancialeIngredienti (per 2 persone)

  • 200 g di candele corte
  • 4 cucchiai di olio d’oliva extravergine
  • 2 fette di guanciale stagionato
  • 2 cipollotti novelli
  • 1 mazzo di asparagi verdi
  • 15-20 g di burro
  • 3-4 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • sale
  • pepe

Esecuzione

In una bella padella capace, un fondino di olio, quindi il guanciale battuto sottilmente e poi cipollotti tagliati finemente, aggiungete gli asparagi tagliati a rondelle e cuocete fino a quando gli asparagi non saranno teneri. Quasi a fine cottura aggiungere le punte degli asparagi. Il vostro fondo di cottura è pronto.

A parte preparate la crema di asparagi così: in una pentola mettete un paio di cucchiai d’olio, due cipolline novelle tritate e subito dopo i gambi degli asparagi tagliati a rondelle, aggiungete un po’ di acqua calda e un po’ di sale. Fateli cuocere per una mezz’ora quindi raffreddateli appena un po’, passateli quindi con un passaverdura. La vostra crema è pronta.

Cuocete le candele corte e passatele in padella con il sughetto di asparagi, aggiungete la crema di asparagi. Il tutto dovrà essere molto morbido (eventualmente aggiungete un po’ di acqua di cottura della pasta).

Mantecate a fiamma spenta con un po’ di burro e del parmigiano grattugiato. A piacere un po’ di pepe.

Servite caldissimo e buon appetito.

Mimmo Corcione

Non è un cuoco ma è un grande appassionato di cucina. E’ un buongustaio e buon conoscitore delle ricette tipiche regionali. E’ nato a Boscotrecase (Napoli) il 1946 sotto il segno dell’Acquario e per tutta la sua vita si è dedicato alla matematica e l’informatica. Da quanto è andato in pensione, si dedica con passione a raccogliere antiche ricette e a cucinarle (per i sui cari) nella loro versione originale. Si definisce un “viaggiatore del gusto poco distratto” . Da anni sostiene la battaglia contro il “fast food” e ritiene che anche la preparazione di un semplice panino richieda “arte, passione e tempo”. Ama i Beatles e Hitchcock.