Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Caponata napoletana (con friselle)

0

Caponata-NapoletanaIntroduzione

A Napoli prende il nome di caponata un piatto completamente diverso dalla caponata siciliana (che è a base di melanzane). La caponata napoletana è preparata con friselle o freselle (una sorta di ciambelle biscottate di pane duro) bagnate e condite almeno con aglio, olio, pomodoro, origano e basilico.

Volendo, come in questa ricetta, si possono aggiungere altri sapori.


Ingredienti (per 4 persone)

  • 4 friselle di grano integrale
  • 8 filetti di acciughe dissalate
  • 200 di scarola riccia
  • 2 cucchiai di olive nere di Gaeta
  • 2 cucchiai di olive verdi dolci
  • 1 spicchio d’aglio
  • 16 pomodorini tipo ciliegino tagliati a metà
  • sale e pepe quanto basta
  • 8-10 cucchiai di olio d’oliva extravergine
  • 4 ciuffetti di basilico
  • 1 mozzarella di bufala di circa 400 g

Esecuzione
Dissalate le acciughe lavandole sotto l’acqua corrente.

In una ciotola unite alle acciughe la scarola riccia, le olive nere, le olive verdi, l’aglio, i pomodorini ciliegini tagliati a metà e condite il tutto con sale, pepe e olio.

A questo punto bagnate 4 friselle di grano integrale sotto l’acqua, ponetele una in ogni piatto in un piatto, e adagiate sopra (per ogni frisella) 1/4 dell’insalatina già preparata.

Accompagnate ogni frisella con 2 fette di mozzarella di bufala (tagliate a pezzettini) e foglioline di basilico.

Mimmo Corcione

Non è un cuoco ma è un grande appassionato di cucina. E’ un buongustaio e buon conoscitore delle ricette tipiche regionali. E’ nato a Boscotrecase (Napoli) il 1946 sotto il segno dell’Acquario e per tutta la sua vita si è dedicato alla matematica e l’informatica. Da quanto è andato in pensione, si dedica con passione a raccogliere antiche ricette e a cucinarle (per i sui cari) nella loro versione originale. Si definisce un “viaggiatore del gusto poco distratto” . Da anni sostiene la battaglia contro il “fast food” e ritiene che anche la preparazione di un semplice panino richieda “arte, passione e tempo”. Ama i Beatles e Hitchcock.