Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Comme ‘avuote e ccomme ‘o ggire, sempe sissantanove è…

0

69_1Letteralmente: da qualunque posizione tu lo veda, sempre sessantanove è…

L’espressione richiama un concetto chiaro: ci sono situazioni nelle quali la ricerca di punti di vista alternativi o di concetti che ribaltano la realtà non può essere percorribile, un po’ come la magia dei numeri, evidente con il sessantanove, che viene letto sempre allo stesso modo anche se capovolto!

Da dove deriva il concetto del sessantanove? Escluderemmo il concetto erotico del termine (a buon intenditore…), bensì ci rifacciamo alla nostra tombola ed alla rappresentazione del numero apposto sui cilindretti che, estratti dal caratteristico “panaro”, servono per completare le cartelle, con la conseguente vincita di piccole somme di denaro, legate alla combinazione che si riesce ad ottenere prima degli altri partecipanti al gioco (ambo, terno, ecc.).

Le regole della tombole sono poche, ma rigide: non si può sbagliare assolutamente la chiamata e non vi deve essere adito ad una contestazione di sorta.

Dall’osservazione dei cilindretti, però, appaiono alcuni numeri che nella lettura capovolta possono generare errori: in questo caso al numero in questione (ad esempio il 6 facilmente confondibile con il 9 se letto capovolto) vien posta alla base del numero stesso una lineetta che definisce da quale parte leggere (esempio 6, 9).

Il tema che ci occupa, tuttavia, non è la tombola, ma la condizione che si vive avendo a che fare con chi vuole cambiare l’ordine delle cose.

Io ne conosco molti che tentano di rompere… l’equilibrio di una cosa certa e consolidata,  con schizofreniche teorie: doveste capitarvene qualcuno anche a voi, mi raccomando, rammentategli la storia del 69!

Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.