Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Cu ‘nu sí te ‘mpicce e cu ‘nu no te spicce

0

dire-noLetteralmente: dicendo sí ti impicci, dicendo no ti sbrighi.

In una delle ultime note vi avevamo suggerito che, dinanzi a decisioni drastiche da prendere, era meglio arrossire per un minuto, starci anche male, ma non farsi venire alcun travaso di bile, ripensando per lungo tempo che la decisione presa aveva procurato danni …

Questa espressione è un altro condensato di saggezza e suggerisce, ove possibile, di non acconsentire sempre alle richieste che ci vengono fatte, magari dispiacendoci, ma distribuendo qualche deciso diniego.

Quanto volte abbiamo detto si per quieto vivere o per non aver rimorsi di coscienza e poi ci siamo trovati a gestire situazioni difficili, rimettendoci addirittura economicamente? Quanti impegni continuiamo a mantenere perchè una volta non siamo stati capaci di dire semplicemente “no”?

Se pensiamo poi che i nostri proverbi, sul termine dell’impegno, ci consigliano di non fare alcuna promessa (“A criature nun prumettere e a’ sante nun fa vute”) il quadro è veramente completo!

Allora: si grazie? No, prego…

Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.