Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Doppo muorto, buzzarato

0

papamortoLetteralmente: dopo morto, buggerato.

Così diciamo a Napoli per sottolineare quelle situazioni nelle quali, oltre ad aver subito il danno, siamo costretti a rifonderci le spese.

La locuzione è entrata a far parte del colorito frasario napoletano da quando un nostro concittadino, dopo la morte di Papa Pio XII, assistette ad un rito che ha radici antichissime: quella del percotimento, a cura del cardinale Camerlengo, della testa dell’ormai defunto pontefice con un martelletto d’argento per vedere se… la salma avesse qualche segno di reazione, certificandone, in caso negativo, il decesso!

Alcuni cenni storici: la tradizione vuole che il cerimoniale sia nato circa nel XII secolo, visto che le prime fonti citano Papa Pasquale II (1099-1118) la cui  salma fu «unta di balsamo», rivestita delle vesti sacre e sepolta, secondo le prescrizioni dell’ordo, ossia di un cerimoniale, «con i dovuti ossequi ed onori», con la partecipazione di clero e popolo e degli stessi cardinali.

Ritornando al nostro rito, tuttora praticato, dopo che il Santo Padre è spirato,  la sua salma  viene trasferita nella cappella adiacente la sua camera.  Qui il suo volto viene «coperto d’ un fazzoletto bianco», che il cardinale Camerlengo subito dopo toglie, per «scoprirgli il volto». Successivamente, una volta avvicinatosi al letto, con un martellino d’ argento batte per tre volte sul cranio del defunto, ed altrettante volte con chiara voce lo chiama per nome. Sicuro della dipartita, si rivolge ai presenti alla cerimonia, ai quali riferisce che «il Papa è realmente morto».

Quindi recita ad alta voce il salmo De Profundis ed asperge il cadavere con acqua benedetta.

Tralasceremmo gli altri rituali connessi anche perché, tutto sommato, “morto un papa se ne fa un altro”!

Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.