Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Febbraio corto (ma non troppo) e amaro: Fiorentina – Napoli 1-1

0

Mosca - SPORT FIORENTINA NAPOLI FOTO MOSCAIl Napoli conferma il calo fisico già manifestato nelle recenti partite e nel primo tempo viene dominato dalla Fiorentina che gioca a ritmi elevatissimi: l’ 1-1 al 45^ va stretto alla squadra viola e premia oltre misura il Napoli.

Oltre al gol, la Fiorentina colpisce due traverse, una con Kalinic e l’altra con Tello, anche se in quest’ultimo caso con azione viziata da fuorigioco non rilevato dal guardalinee.

La Fiorentina sembra ripartire con lo stesso piglio nel secondo tempo, ma non può mantenere lo stesso ritmo.

E così, d’improvviso, viene fuori il Napoli, che ha l’occasione più nitida per passare in vantaggio con Callejon e Higuain fermati da due miracoli di Tatarusanu.

Il Napoli segna pure, ancora con Higuain, ma è evidente la posizione di fuorigioco.

Alla fine un risultato di parità che appare giusto ma che scontenta entrambe: il Napoli, che ora è a tre punti dalla vetta, la Fiorentina che perde l’occasione di tornare in gioco per il 2^ posto e anzi è in piena lotta con la Roma per il 3^: e il prossimo turno vede lo scontro diretto, in cui i viola sono chiamati a dimostrare lo stesso cipiglio mostrato contro il Napoli.

Incomprensibile la scelta di Sarri di sostituire Higuain con Gabbiadini all’89^: così facendo, si avvilisce sia il sostituito che il sostituto.

Nella Fiorentina in evidenza Tello, Marcos Alonso, Kalinic, con Borja Valero su tutti; nel Napoli un’aurea mediocrità, con buone prove di Hysaj e Jorginho, e un Higuain che, pur se appesantito nei movimenti, sembra l’unico a non volersi arrendere.

La matematica ci tiene in gioco, ma sarà dura se non si recupererà subito la condizione fisica.

                                                                                                                           Sergio Corpaci

Mario Scalella

Nato a Napoli, vive a Milano dall’anno del primo scudetto azzurro. Laureato in giurisprudenza, lavora presso l’ufficio legale di un noto gruppo bancario. Ha giocato a calcio, ottenendo migliori risultati nel canottaggio e nella pallanuoto nel cui ambito ha anche maturato esperienza da dirigente sportivo. Ha collaborato con WaterpolOnline ed altre testate sul web che si occupano di sport, di Napoli e di napolitudine.