Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Gli Azzurri di Sarri tirano il freno: Carpi – Napoli 0 – 0

0

20150923_107363_m10Dopo i fuochi d’artificio di domenica scorsa, la partita di questa sera si palesa subito difficilissima da sbloccare per gli Azzurri, quanto noiosa per i suoi sostenitori.

Il Carpi è squadra neo-promossa il cui giocatore più famoso è Zaccardo, campione del Mondo 2006 con l’Italia di Lippi. L’allenatore Castori vuole un punto e lascia inizialmente Borriello in panchina: lo vedremo nella ripresa subentrare al mediocre Mbakogu.

Nel Napoli Valdifiori al posto di Jorginho e Mertens al posto di Callejon: gli altri sono tutti reduci dalla vittoria sulla Lazio.

I padroni di casa si schierano tutti dietro la palla creando un muro invalicabile nel 1° tempo: la fitta rete di passaggi degli Azzurri, del tutto priva di fantasia, trova sempre i difensori emiliani pronti.

L’unico guizzo è di Higuain che al 17° tira a volo, ma il pallone sorvola di poco la traversa.

Ovviamente non manca qualche insidioso contropiede del Carpi ma per fortuna i giocatori di casa sono imprecisi.

Non cambia la musica nella ripresa: qualche tiro da fuori alto sopra la traversa, molto gioco sul versante destro dove Hysaj mostra di non avere piedi buoni. Nel complesso troppa prevedibilità.

Entrano Jorginho al posto di un Valdifiori poco brillante, Gabbiadini al posto di uno spento Mertens, Callejon al posto di Hamsik.

La cosa più emozionante è l’improvvisa accensione di un idrante: vengono in mente i giochi d’acqua delle ville rinascimentali.

Al 42° l’unica vera occasione della partita: verticalizzazione per Gabbiadini che la mette fuori di poco.

Al 46° gol di Callejon annullato per off-side.

E così il Napoli inanella il terzo pareggio per fortuna imitato dalla Juve contro il piccolo Frosinone.

Partite come queste non le vinceva Benitez e non l’ha vinta neppure Sarri. Il Napoli dopo la duplice abbuffata in Coppa e in Campionato è già molto indietro rispetto alla capolista Inter e si appresta ad ospitare la Juve e ad incontrare il Milan a San Siro, senza che si sia capito quale potranno essere il suo ruolo e le sue prospettive in questa stagione agonistica.

Mario Scalella

Nato a Napoli, vive a Milano dall’anno del primo scudetto azzurro. Laureato in giurisprudenza, lavora presso l’ufficio legale di un noto gruppo bancario. Ha giocato a calcio, ottenendo migliori risultati nel canottaggio e nella pallanuoto nel cui ambito ha anche maturato esperienza da dirigente sportivo. Ha collaborato con WaterpolOnline ed altre testate sul web che si occupano di sport, di Napoli e di napolitudine.