Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Gli Azzurri tornano alla vittoria e si riavvicinano alla vetta: 1-0 al Genoa

0

3614773_00000000Napoli – Genoa 1-0

Vittoria sofferta, arrivata dopo due turni poco favorevoli ed in condizioni psicologiche non facili: vero è che il pari della juventus con la SPAL ha dato una carica d’adrenalina e d’entusiasmo agli Azzurri e la possibilità di sfruttare l’occasione per avvicinarsi alla vetta, tuttavia ha messo addosso ai ragazzi una qual certa “ansia da prestazione”.

Sebbene gli Azzurri abbiano corso per 90′ e abbiano imposto il loro gioco, nel complesso sono apparsi meno lucidi che in altre occasioni, sbagliando spesso l’ultimo passaggio o la finalizzazione in porta.

Poca lucidità che denota un pò di stanchezza mentale prima ancora che fisica.

Buona partita del Genoa, ancorché calato fisicamente nel 2° tempo: la squadra di Ballardini si è difesa bene e non ha mancato di sviluppare qualche azione d’attacco, 3 delle quali alquanto pericolose.

Dal canto loro gli Azzurri di occasioni da gol ne hanno costruite almeno 7, compresi due pali interni (Insigne e Mertens) e il gol di testa di Albiol su corner di Callejon che è valso 3 punti.

Clamoroso un errore di Allan a porta spalancata nel primo tempo e quello di Insigne solo d’avanti a Perin su generosissimo passaggio di Milik, subentrato a Mertens.

Alcuni individualmente appaiono al di sotto dei consueti standard (Giorginho, Allan, Insigne, Mertens, Koulibali) ma non si può pretendere sempre la luna da questi atleti che stanno in campo da luglio e cioè dal preliminare col Nizza.

Comunque tutti hanno dato l’anima ed il pubblico del San Paolo ha apprezzato.

Come giustamente osservato da Sarri, gli scorsi anni a questo punto del campionato la juve già aveva preso il volo, oggi è avanti di appena 2 punti e deve giocare lo scontro diretto nonché affrontare Inter, Milan e Roma. 

Il Napoli oltre lo scontro diretto deve affrontare il Milan: tutte le altre (vedasi Samp) vanno ovviamente rispettate, ma sono decisamente meno forti del Napoli.

Insomma: missione difficile, non impossibile.

Mario Scalella

Nato a Napoli, vive a Milano dall’anno del primo scudetto azzurro. Laureato in giurisprudenza, lavora presso l’ufficio legale di un noto gruppo bancario. Ha giocato a calcio, ottenendo migliori risultati nel canottaggio e nella pallanuoto nel cui ambito ha anche maturato esperienza da dirigente sportivo. Ha collaborato con WaterpolOnline ed altre testate sul web che si occupano di sport, di Napoli e di napolitudine.