Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

I dolori di un tifoso Napoletano

0

FBL-ITA-SERIEA-LAZIO-NAPOLILa settimana del tifoso si è aperta il lunedì mattina con la bile elevatissima dovuta all’ennesimo boccone amaro di questa stagione finora deludente ingerito allo sportivissimo Juventus Stadium.

Per capire però esattamente i sentimenti contrastanti che affollano l’animo del tifoso napoletano è necessaria una piccola digressione “freudiana” sul concetto di delusione per il tifoso del Napoli.

La delusione, più che dai risultati deriva dal nostro complesso atavico del “vorrei ma non posso”, acuito dal ricordo dell’epoca d’oro “Maradoniana” seguita dal trauma di 25 anni in bianco con la massima umiliazione del fallimento sportivo e la ripartenza dalla C (dopo anni di agonia in B con Corbelli, Naldi &Co).

Il trauma del fallimento sportivo (unito per i tifosi più esperti all’ansia per il raggiungimento del primo scudetto dopo averlo sfiorato con Vinicio negli anni’70) ha generato in noi tifosi del Napoli “la sindrome da ultima volta”, per cui viviamo in uno stato d’ansia perenne le stagioni positive in cui c’è la possibilità concreta di vincere qualcosa, in quanto dentro di noi temiamo che l’anno successivo potrebbe essere soltanto peggio.

Questo sentimento, unito alle nostre caratteristiche avversioni a pelle per chi non ha le stimmate del Masaniello (De Laurentis Romano Pappone che deve solo cacciare e’sorde, Benitez ciccione spagnolo che non ci rappresenta, squadra di stranieri mercenari, etc., etc.) ci porta a vivere con fastidio questa stagione che effettivamente dal Bilbao al Dnipro, passando per la Coppa Italia ed i punti dilapidati in campionato ci ha dato più dolori che gioie.

Questo a prescindere dal reale posizionamento di questa stagione (dal 3° al 5° posto in A, vittoria in Supercoppa contro la Juve, terza semifinale Europea della storia, semifinale di Coppa Italia) rispetto a quelle precedenti. Ad esempio l’ottavo posto al primo anno di serie A di De Laurentis (correva l’anno 2007-2008, 7 anni fa) con la qualificazione all’Intertoto fu vissuto da tutti come un grande trionfo.
Perché il tifoso napoletano quando può vincere deve vincere per tutti i motivi sopra citati.

Tornando a noi quindi, la settimana di delusione e rabbia è stata ieri però temporaneamente sospesa da una notizia inattesa, la Roma contrariamente ai biscotti presunti della vigilia batte la Lazio nel derby romano e ci tiene in corsa per i preliminari in Champions.
A quel punto la rabbia che premeva sui nostri fegati è stata sostituita dal sentimento che più di tutti affolla il nostro cuore di tifosi, una nuova illusione.

L’illusione che questa armata di mercenari stranieri diventi, almeno per 90’, una banda di impavidi scugnizzi napoletani e difenda il nostro orgoglio ferito e batta la Lazio portandoci agli agognati preliminari di Champions League e ci regalino un’Estate di calciomercato ed insulti al Pappone, in previsione di una campagna acquisti che ci consenta di superare l’ennesimo spauracchio di fine Estate, ovvero la “Sindrome da Bilbao”!

Ma essendo napoletani la scaramanzia (e la consapevolezza dell’animo molle dei nostri giocatori) ci impone di non guardare oltre domenica sera, dove si spera che la squadra ed il San Paolo ci consentano di trasformare l’ennesima illusione in gioia (temporanea mica avremmo vinto lo Scudetto eh! E poi ci sarebbero sempre i preliminari, ricordate Bilbao, e chissà se il Pappone stavolta compra prima, etc…)!

Sempre Forza Napoli!

Fausto Fenuti

Napoletano, sposato con una napoletana, dipendente responsabile ma tifoso irresponsabile, follemente devoto al Napoli da quando all'età di 5 anni ha visto per la prima volta Diego. Appassionato di storia e tradizione napoletana anche grazie ai racconti della Nonna!

Lascia un commento...