Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Involtini di verdure al gratin

0

involtini-di-verdure-gratinMolto belli a vedersi e molto saporiti al gusto, si possono servire tiepidi o freddi. L’unica operazione un pò più noiosa è l’arrostimento dei peperoni.

 

 


Ingredienti (per 6 persone)

  • 4 peperoni (2 gialli e 2 rossi)
  • 400 g di zucchine lunghe
  • 2 pomodori del tipo costoluto di pachino
  • 4 cucchiai di pangrattato
  • 12 foglie di basilico
  • 100 g di formaggio grattugiato (50 g parmigiano, 50 g pecorino romano)
  • sale e pepe quanto basta
  • 12 cucchiai di olio d’oliva extravergine

Esecuzione
Affettate per il lungo 400 grammi di zucchine, ungete d’olio le fettine e passatele sulla griglia ben calda. Arrostite 2 peperoni colorati, alti e grossi, poi spellateli, svuotateli dai semi e ricavatene 12 lunghe falde. Tagliate 2 pomodori in 12 spicchi. Avvolgere nelle falde di peperone le fettine di zucchina e gli spicchi di pomodoro, formando 12 involtini, e adagiateli in una teglia sul cui fondo avrete messo un po’ d’olio d’oliva extravergine e almeno due cucchiai di pan grattato. Condite con olio, sale, abbondante formaggio parmigiano grattugiato, spolverate con pangrattato e infornate in forno preriscaldato a 200° per circa 15 minuti. Sfornate. Attendete un pò e servite.

Nota
Variante: potete mettere nel “vulcano” di ogni involtino 1/12 di un trito composto da 1 spicchio d’aglio, una manciata di capperi, una manciata di olive nere di Gaeta o taggiasche, un peperoncino fresco semipiccante e un ciuffo di prezzemolo.

 

Mimmo Corcione

Non è un cuoco ma è un grande appassionato di cucina. E’ un buongustaio e buon conoscitore delle ricette tipiche regionali. E’ nato a Boscotrecase (Napoli) il 1946 sotto il segno dell’Acquario e per tutta la sua vita si è dedicato alla matematica e l’informatica. Da quanto è andato in pensione, si dedica con passione a raccogliere antiche ricette e a cucinarle (per i sui cari) nella loro versione originale. Si definisce un “viaggiatore del gusto poco distratto” . Da anni sostiene la battaglia contro il “fast food” e ritiene che anche la preparazione di un semplice panino richieda “arte, passione e tempo”. Ama i Beatles e Hitchcock.