Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Lasagnette di melanzane

0

lasagne-di-melanzaneIntroduzione

Questa è una versione semplificata della parmigiana di melanzane che però non prevede frittura bensì cottura in forno e successiva marinatura.

In particolare, per questa preparazione occorrono delle melanzane tondeggianti non troppo grandi di dimensioni.

 

Ingredienti (per 4 persone)

  • 2 melanzane tondeggianti (non quelle lunghe)
  • 150 g di mozzarella di bufala campana (la mozzarella deve stare almeno 12 ore in frigo per asciugarsi)
  • una ventina di foglioline di basilico
  • 8 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 peperoncino rosso fresco semipiccante
  • 1 cucchiaio di pangrattato
  • 250 g di pasta di pomodoro

Esecuzione
Tagliate le melanzane a fette spesse quasi un centimetro (non sbucciatele), mettetele su una placca da forno e fatele cuocere (in forno) a temperatura alta (200° C) finché non saranno dorate. Poi, ancora calde trasferitele in una ciotola e lasciatele marinare in un composto di olio, sale, pezzetti di basilico e peperoncino.
In una teglia mettete un fondo d”olio e pan grattato e create almeno un paio di lasagne per ogni commensale. Nel predisporre ogni lasagnetta alternerete una fetta di melanzana, un cucchiaio di salsa di pomodoro, una fettina di mozzarella, un’altra fetta di melanzana, una foglia di basilico, un cucchiaio di salsa e mozzarella ridotta in briciole fini.
Infornate la teglia in forno (già preriscaldato) e fatele gratinare per 10 minuti a 200 °C. Sfornate e servite le lasagnette con contorno di foglioline di basilico.


La videoricetta

Mimmo Corcione

Non è un cuoco ma è un grande appassionato di cucina. E’ un buongustaio e buon conoscitore delle ricette tipiche regionali. E’ nato a Boscotrecase (Napoli) il 1946 sotto il segno dell’Acquario e per tutta la sua vita si è dedicato alla matematica e l’informatica. Da quanto è andato in pensione, si dedica con passione a raccogliere antiche ricette e a cucinarle (per i sui cari) nella loro versione originale. Si definisce un “viaggiatore del gusto poco distratto” . Da anni sostiene la battaglia contro il “fast food” e ritiene che anche la preparazione di un semplice panino richieda “arte, passione e tempo”. Ama i Beatles e Hitchcock.

Lascia un commento...