Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Le Pagelle di Udinese – Napoli 1 – 2

0
2090871_Mosca_-_UDINESE12Reina s.v. Sostanzialmente inoperoso ma il gol lo deve sempre prendere da contratto
Hysaj 5,5 Si fa fregare da Perica al primo corner. Dignitosa comunque la sua prestazione
Chiriches 6 Un paio d’errori in una partita sostanzialmente sufficiente
Koulibaly 6,5 Una diga là dietro
Ghoulam 6 Bene in avanti un po’ meno in copertura ma non è una novità
Allan 6 Ha finito in crescendo dopo un inizio non proprio incoraggiante
Diawara 7 Sto ragazzo è proprio forte. Delittuoso è stato tenere in campo per tanto tempo Giorgino
Hamsik 5,5 Saranno stati i postumi dell’influenza ma stasera m’è parso di vedere il solito Marek quando gioca contro la squadra che ha la stessa maglia dell’Udinese
Callejon 5,5 Io farei giocare più lui falso nueve che Dries. O forse farei giocare Rafael centravanti
Mertens 5 S’impegna in un ruolo che lo spegne completamente. Metterlo lì in mezzo significa giocare con un uomo in meno
Insigne 7 Finalmente! Due gol ed una traversa … che la breve comparsata in nazionale gli abbia fatto bene?
Zielinski 6 Un paio di magie che mi fanno ben sperare per il futuro
Giaccherini s.v. Francamente mi sembra un ex-giocatore a cui resta solo l’esperienza
El Kaddouri s.v. Puntuale è l’ultimo cambio del nostro tecnico. Ordini del presidente per cercare di piazzarlo a gennaio?
Sarri 5 Fa giocare Giaccherini e El Kaddouri che farebbero la loro figura nella 7 stagione di The Walking Dead e tiene per l’ennesima volta in panchina Rog. Caro Maurizio quello lì non è Grassi…
Banti 5 Il primo (e unico) cartellino giallo lo estrae ad un quarto d’ora dalla fine. I giocatori dell’Udinese, nel primo tempo soprattutto, picchiavano come fabbri
                                                                                                    CICCI SERRA
Mario Scalella

Nato a Napoli, vive a Milano dall’anno del primo scudetto azzurro. Laureato in giurisprudenza, lavora presso l’ufficio legale di un noto gruppo bancario. Ha giocato a calcio, ottenendo migliori risultati nel canottaggio e nella pallanuoto nel cui ambito ha anche maturato esperienza da dirigente sportivo. Ha collaborato con WaterpolOnline ed altre testate sul web che si occupano di sport, di Napoli e di napolitudine.