Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Linguine con crema di ceci e scampi

0

Linguine-con-le-cozze-in-biancoIntroduzione

Una classica accoppiata legumi col pesce. Un meraviglioso incontro tra terra e mare.

 
Ingredienti (per 2 persone)

  • 150 g di linguine
  • 8 scampi
  • 1 ciuffo di prezzemolo con i gambi
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • 1 scatola di ceci pronti
  • olio d’oliva extravergine
  • 1 cuore di sedano
  • 1 cipollotto novello
  • 1 punta di peperoncino
  • sale quanto basta

Esecuzione

Pulite gli scampi isolando testa e chele del crostaceo dal corpo a cui toglierete il budellino. Preparate il fumetto di scampi mettendo in un padellino aglio, olio, peperoncino, teste e chele degli scampi, sfumate con vino, aggiungete il prezzemolo e due bicchieri di acqua calda. Un pizzico di sale e fate cuocere per almeno mezz’ora schiacciando di tanto in tanto chele e teste. Filtrate il fumetto in un bicchiere.

In un pentolino un goccio d’olio evo, quindi cipollotto e sedano tagliati grossolanamente, aggiungete i ceci e fate cuocere per almeno un’ora a ridurre. Nell’ultimo quarto d’ora aggiungete il fumetto degli scampi che avevate messo da parte.
Cuocete le linguine. In una padella versate la crema di ceci che avrete ottenuto passando la zuppa di ceci con un passino. Terminate la cottura delle linguine in questo fondo.

A parte in un padellino, in un goccio d’olio saltate gli scampi per mezzo minuto. Quando le linguine sono cotte e cremose aggiungete gli scampi e un trito di prezzemolo fresco.

Servite caldissimo e buon appetito.

Mimmo Corcione

Non è un cuoco ma è un grande appassionato di cucina. E’ un buongustaio e buon conoscitore delle ricette tipiche regionali. E’ nato a Boscotrecase (Napoli) il 1946 sotto il segno dell’Acquario e per tutta la sua vita si è dedicato alla matematica e l’informatica. Da quanto è andato in pensione, si dedica con passione a raccogliere antiche ricette e a cucinarle (per i sui cari) nella loro versione originale. Si definisce un “viaggiatore del gusto poco distratto” . Da anni sostiene la battaglia contro il “fast food” e ritiene che anche la preparazione di un semplice panino richieda “arte, passione e tempo”. Ama i Beatles e Hitchcock.