Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Qual è l’origine del termine napoletano “Muccatùro”?

0

FazzolettoIl termine, di origine latina, definisce il fazzoletto e deriva dal verbo muccare, ossia soffiarsi il naso.

Questo termine è presente in quasi tutte le lingue latine: ad esempio, in Francia si chiama “mouchoir“, in Spagna ci sono il “mocador” ed il “mocar“…

Sempre dal verbo muccare deriva anche il lemma muccuso, che si rivolge generalmente ai bambini (o a chi ha comportamenti da bambino) che, facendo i capricci e piagucolando, tirano su con il naso (non avendo a disposizione questo essenziale oggetto!)

 

Il lemma nei proverbi e nelle espressioni napoletane

Chi è parente d’ ‘a còppola va p’a casa e ntròppeca; chi è parente d’ ‘o muccatùro va p’a casa e va sicùro
Chi è parente dello sposo , gira per la casa degli sposi ed incespica; chi è parente della sposa gira per la casa con sicurezza
I parenti della sposa non fanno mancare mai la loro presenza nella casa dei coniugi (quindi si muovono con maggior dimestichezza)

Jì a menà’ ‘o muccatùro ‘a Nunziata
Andare a buttare il fazzoletto all’Annunziata
Modo di dire antico con il quale si dichiarava di andare a sposare un’orfana dell’Annunziata (per scegliere una fanciulla, infatti, le si lanciava un fazzoletto)

 

Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.