Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Napoli campione degli Italiani! 4-0 al Frosinone e Champions

0

Fotosud -Napoli – Frosinone 4-0

Ultimo atto di un bellissimo campionato, dove il Napoli allenato da Maurizio Sarri ha sfiorato il cielo con un dito ed ora, dopo aver inanellato il record di punti, di vittorie, di gol segnati, di possesso palla, col San Paolo inviolato e tra le proprie fila il capocannoniere indiscusso del torneo, cerca di regalare al proprio allenatore ed al proprio pubblico il traguardo più ambito: la Champions League, il trofeo dei trofei, il calcio che conta veramente.

Ma non è facile.

Con lo stadio esaurito ed una pioggia battente che ricorda più marzo che maggio, gli Azzurri, ancorchè nettamente superiori agli avversari, devono scrollarsi di dosso il condizionamento psicologico di dover vincere per forza.

Condizionamento aggravato dalla notizia che dopo pochi minuti la Roma è già passata in vantaggio a San Siro contro lo spento Milan.

4’ e Pipita Higuain tira di poco fuori dal palo destro di Zappino, poi qualche azione un po’ confusa in area azzurra risolta da Reina e Compagni.

Viene espulso il frusinate Gori dopo un fallo su Insigne, forse per inutili proteste, ma per gli azzurri è un vantaggio relativo perché gli avversari si incattiviscono e si arroccano ancora di più.

Comincia il tiro al piccione: traversa di Insigne, parate di Zappino su Callejon, su Insigne, su Chiriches, innumerevoli calci d’angolo e tiri da fuori.

Higuain appare un po’ imballato, forse anche lui condizionato mentalmente dal dover battere il record di Nordhal.

Molte azioni sono da flipper ed in una di queste, quasi a fine tempo, il capitano di mille battaglie, Marek Hamsik riesce ad allungare il piedone e buttarla dentro per il liberatorio 1-0.Fotosud -

Secondo tempo, si ricomincia come prima, sotto il diluvio universale, ma il Napoli ormai si è sbloccato mentalmente mentre il Frosinone è stanco, ed arrivano i gol del Re.

7° minuto: capolavoro di Allan che palla al piede sfonda le linee difensive dei giocatori in maglia gialla e trova Pipita al centro per il primo gol.

10 minuti dopo Hysaj imita il brasiliano e serve la palla al centravanti per il secondo confetto.

Altri 9 minuti e Mertens, subentrato a Callejon, la serve sul petto del Pipita che si gira in mezza rovesciata per il terzo gioiello, e così il centravanti Azzurro supera il record dello svedese che resisteva da 65 anni!

La Roma sta spadroneggiando a Milano ma il Napoli ha saldamente in mano il secondo posto.

Dopo la sconfitta contro i giallorossi il Napoli doveva vincere tre partite su tre: l’impresa è riuscita!

Il resto della partita è un allenamento: grazie ragazzi, questo secondo posto vale più di una coppa perché ci avete messo l’anima e avete espresso il gioco più bello.

La juve è campione d‘Italia ma IL NAPOLI E’ CAMPIONE DEGLI ITALIANI, quelli veri, quelli che lavorano con onore e lottano per difendere la propria famiglia ma anche il proprio territorio e la propria cultura: le ricchezze più autentiche di una nazione.

 

Mario Scalella

Nato a Napoli, vive a Milano dall’anno del primo scudetto azzurro. Laureato in giurisprudenza, lavora presso l’ufficio legale di un noto gruppo bancario. Ha giocato a calcio, ottenendo migliori risultati nel canottaggio e nella pallanuoto nel cui ambito ha anche maturato esperienza da dirigente sportivo. Ha collaborato con WaterpolOnline ed altre testate sul web che si occupano di sport, di Napoli e di napolitudine.