Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Paré ‘a Cuccuvaja ‘e Puorto

0

Fontana_degli_Incanti_piazza_Salvatore_Di_GiacomoLetteralmente: sembrare la civetta del Porto.

L’espressione trae origine dalla fontana degli Incanti, situata oggi in Piazza Salvatore di Giacomo a Posillipo, ma costruita anticamente (XVI secolo) in piazza di Porto (l’odierna Piazza Bovio).

La fontana fu chiamata così forse perché anticamente (come si racconta) una strega l’usava per rifornirsi d’acqua, che gli serviva per effettuare i suoi sortilegi; una versione più verosimile, tuttavia, ci riporta agli incantatori (venditori di merce ai pubblici incanti) che operavano in prossimità della fontana, collocata al centro della piazza sotto un grande olmo che dava il nome alla piazza stessa.

Molto diversa da quella attuale (subì nel corso dei secoli diversi rifacimenti), la fontana era anticamente ornata da statue mitologiche, tra le quali Minerva (dea della filosofia e della saggezza nonchè protettrice delle acque) che era scolpita con il proprio animale sacro, la civetta, posata sul braccio.

Da qui fu coniata l’espressione “‘a funtana d’a cuccuvaia ‘e Puorto“, ben presto, venne utilizzata per indicare le donne particolarmente brutte e sgraziate.

Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.