Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Perchè vico Scassacocchi si chiama cosi?

0

vico-scassacocchi-600x401Vico Scassacocchi: su via Vicaria Vecchia

Quartiere: San Lorenzo

 

 

Il Vico Scassacocchi è uno dei più famosi vicoli del centro storico di Napoli: il suo nome deriva dalla presenza di sfasciacarrozze che vendevano a prezzi buoni mozzi, balestre, ruote e quant’altro era possibile riciclare dalle carrozze. C’è anche un’altra versione, ossia che il nome derivi dal fatto che, essendo particolarmente stretta, provoca la rottura delle ruote di carri e carrozze (da cui scassacocchi).

Il vico Scassacocchi si trova nella zona di Forcella a pochi passi dal Vicolo della Pace.

La sua notorietà è dovuta anche perchè viene ricordate in diverse opere cinematografiche e letterarie. Nel film Napoli Milionaria di Eduardo De Filippo, ad esempio, il personaggio di Pasqualino Miele (interpretato da Totò) abita al quinto piano del civico 17 .

FiguriIl vico viene anche citato nella commedia atto unico di Eduardo De Filippo “Quei figuri di trent’anni fa“, quando Donna Assunta vuole ornare nella sua casa nativa

” … accussì io te ce facimmo ‘a mappatella,e ce ne turnammo n’ata vota ‘o sesto piano ‘do Vico Scassacocchi (…così io e te facciamo le valigie e ritorniamo a vivere al sesto piano di Vico Scassacocchi.) “

Il vicolo funge anche da ambientazione per una famosa parodia della sceneggiata fatta da “La Smorfia” con Massimo Troisi, Lello Arena ed Enzo Decaro, che venne trasmessa in TV per la prima volta nella trasmissione RAI Non stop nel 1980.

Dove si trova?

 
Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.