Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Piglià ‘o cuoppo ‘aulive p’’o campanaro ‘o Carmene

0

ChiesadelCarmineNapoli-viLetteralmente: confondere il cartoccio contenente le olive con il campanile del Carmine Maggiore.

Per stigmatizzare le sviste, a Napoli utilizziamo diversi modi di dire, alcuni coloriti, altri un pò più volgari.

Ve ne proponiamo ora uno alquanto simpatico legato al campanile della Chiesa del Carmine, detto di fra’ Nuvolo in onore del frate domenicano che lavorò alla sua costruzione, famoso anche perchè, con un tradizione secolare, ogni anno viene dato alle fiamme con l’utilizzo di fuochi pirotecnici.

Il campanile, alto circa 75 metri, è qualcosa di ben visibile ed identificabile, al centro della piazza che ospita la basilica, fatta erigere a partire dal 1301 da Elisabetta di Baviera, madre di Corradino di Svevia e con le sovvenzioni di Margherita di Borgogna, seconda moglie di Carlo I d’Angiò.

Parliamo quindi di uno de momumenti storici cittadini: se qualcuno riesce a confonderlo con l’involucro di carta a forma di cono (‘o cuoppo), per sua natura destinato a contenere anche altri generi alimentari, non possiamo non consigliargli una visita da un’oculista, oppure di porre maggior attenzione all’identificazione di cose, situazioni  o persone!

Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.