Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Polpette al sugo di zia Rosa

0

polpette-sugoIntroduzione

Queste polpettine sono davvero speciali. Messe nel sugo formano un ottimo intingolo per preparare delle ottime paste al forno.

 


Ingredienti (per 6 persone)

  • 1 kg di carne macinata mista (manzo, vitello e maiale)
  • 100 g di pane grattugiato
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 3 uova intere
  • 500 g di passata di pomodoro
  • 2 spicchi d’aglio
  • una decina di foglie di basilico
  • sale e pepe quanto basta

Esecuzione
Per prima cosa preparate le polpettine. Unite in una zuppiera tutti gli ingredienti: la carne macinata, il prezzemolo, l’uovo intero e 2 cucchiai di pane grattugiato (qualcuno preferisce del pane raffermo bagnato). Regolate di sale e di pepe (pochissimo) e impastate con le mani.

L’impasto deve risultare morbido; ricavarne delle polpettine delle dimensioni di circa due cm di diametro e passatele nel pane grattugiato.

Disponetele subito in un tegame largo con abbondante di olio d’oliva. Fatele soffriggere a fiamma dolce per qualche minuto girandole delicatamente con un cucchiaio di legno in modo da non rovinarle. Scolatele e asciugate l’olio in eccesso.

Prepariamo ora il sugo di pomodoro. Mettete in una pentola un fondo di olio di oliva extravergine e soffriggete i due spicchi d’aglio. Unite la passata e cuocete per circa 20 minuti. A fine cottura, aggiustate di sale e aggiungete il basilico.

Mettete tutte le polpette fritte nel sugo e lasciatele insaporire per una decina di minuti.

Servite con purè di patate oppure con patatine fritte.


La videoricetta

Mimmo Corcione

Non è un cuoco ma è un grande appassionato di cucina. E’ un buongustaio e buon conoscitore delle ricette tipiche regionali. E’ nato a Boscotrecase (Napoli) il 1946 sotto il segno dell’Acquario e per tutta la sua vita si è dedicato alla matematica e l’informatica. Da quanto è andato in pensione, si dedica con passione a raccogliere antiche ricette e a cucinarle (per i sui cari) nella loro versione originale. Si definisce un “viaggiatore del gusto poco distratto” . Da anni sostiene la battaglia contro il “fast food” e ritiene che anche la preparazione di un semplice panino richieda “arte, passione e tempo”. Ama i Beatles e Hitchcock.