Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Qual è l’origine del termine napoletano “Puorco”?

0

maiale

 

 

 

 

Significato
Maiale

Origine
La parola deriva dallo spagnolo “puerco“.

 

Proverbi ed espressioni napoletane

Mantenimmece pulite, jeva dicenno ‘o puorco c’ ‘a capa dint’ ‘o truogolo
Manteniamoci puliti, diceva il maiale con la testa nel trogolo
Ha lo stesso significato dell’ “armiamoci e partite”

Lo spizeco è come lo puorco, è bbuono sulo roppo muorto
L’avaro è come il maiale, è buono solo dopo la morte
Le persone avare saranno ben considerate solo dopo la loro morte, quando gli eredi godranno delle loro ricchezze

‘O puorco pulito nun se ‘ngrassa maje!
Un maiale pulito non si ingrassa mai!
Proverbio che, prendendo ad esempio il maiale (spesso utilizzato come pietra di paragone), trae delle considerazioni di vita. Come il maiale, che se non si rotola nel fango non ingrassa, così le persone oneste e trasparenti difficilmente riescono ad ottenere

‘O puorco fète ‘a vivo, ma addora quanno è mmuorto, ll’ommo addora ‘a vivo e fète ‘a muorto, ‘a femmena fète viva o morta
Il maiale puzza da vivo, ma profuma da morto (quando è ben cucinato), l’uomo odora da vivo e puzza da morto, la donna – invece puzza sia da viva che da morta
Il proverbio (sicuramente maschilista) dà una visione su tre soggetti diversi: a farne le spese è sempre la donna, perché inaffidabile e mentitrice

‘O pirchio è comm’ ô puorco è bbuono sulo doppo muorto!
L’avaro è come il maiale, è buono solo dopo la morte
Le persone avare saranno ben considerate solo dopo la loro morte, quando gli eredi godranno delle loro ricchezze

P’avé ‘na bbona ‘nzogna, s’à dda ‘ngrassà ‘o puorco
Per avere un buono strutto bisogna ingrassare il maiale
Per avere buoni risultati occorre lavorarci sopra

‘O puorco se ‘ngrassa pe ne fà sacicce
Il maiale è ingrassato per farne salsicce
Nessuno fa nulla senza un interesse personale

A ‘o puorco, miettece ‘a sciassa, sempe ‘a coda ce pare
Al maiale puoi anche mettere una marsina, mostrerà sempre la coda
Si può anche ricoprire d’ora uno stracciano, ma alla fine verrà fuori la sua natura

Abbòffete, dicette ‘o puorco, ca ‘o pantano è chino!
Riempiti, disse il maiale, che il pantano è pieno
Quando c’è da prendere è meglio non fare complimenti

Chi tene ‘nu puorco sulo ‘o cresce chiatto, chi tene ‘nu figlio sulo ‘o cresce fesso
Chi ha un solo maiale lo farà crescere grasso, chi ha un solo figlio lo farà crescere da imbecille
Il senso protettivo produce spesso gravi danni nel figlio (soprattutto se protetto e viziato)

‘O puorco, dinte ‘o ppulito, s’appucundrisce
Il maiale, in un ambiente pulito, si intristisce
Togliere qualcuno dal proprio habitat non è consigliabile

‘O puorco quanne è sazio ammerteca a cupella
Quando il maile è sazio abbassa la coda
Quando qualcuno ha raggiunto un suo scopo, si disinteressa del resto

Chi tene ‘nu puorco sulo ‘o cresce chiatto
Chi possiede un solo maiale lo cresce grasso
L’espressione viene utilizzata per consigliare di intraprendere una sola attività alla volta, se si vogliono ottenere risultati positivi

A Sant’Antuòno ogne puorco è bbuono
A Sant’Antonio Abate ogni maiale è buono
Nella tradizione contadina, a partire dal 17 gennaio (Sant’Antonio) venivano macellati i maiali. Il proverbio è utilizzato per indicare che è il momento giusto per cogliere un’occasione

Pe gulìo ‘e lardo, mettere ‘e ddete ‘nculo a ‘o puorco
Per desiderio di lardo, mettere le mani nell’ano del porco
Lo si dice a qualcuno che, per appagare un desiderio, è disposto a fare qualsiasi cosa, anche un’azione riprovevole

A Santa Teresa ‘a capa ‘e puorco appesa
A Santa Teresa (15 ottobre) la testa del maiale appesa
Detto della saggezza contadina per indicare il tempo in cui macellare i maiali

‘A gallina fa fessa ‘a femmena e ‘o puorco strunzea l’ommo
La gallina inganna la donna e il maiale prende in giro l’uomo
Ognuno di noi ha un suo tallone d’Achille

L’aseno è bbuono vivo e no’ muorto; lo puorco è bbuono muorto e no’ vivo; lo voje è bbuono vivo o muorto
L’asino è buono da vivo e non da morto; il maiale è buono morto e non da vivo; il bue è buono sia da vivo che da morto
Il detto riviene dalla tradizione contadina che esorta a valorizzare gli animali secondo la loro attitudine a fornire lavoro oppure alimenti

Dicette ‘o puorco ‘nfacci’ a ‘o ciuccio: mantenimmece pulite!
Il porco disse in faccia all’asino: teniamoci puliti
Il detto viene utilizzato per stigmatizzare quelle situazioni in cui si criticano i difetti altrui senza accorgersi dei propri

Pe gulio ‘e lardo, vasa ‘nculo a ‘o puorco
Per desiderio di lardo, bacia il sedere del maiale
Definisce coloro che, pur di ottenere qualche beneficio, sono disposti alle azioni più infime

Fa’ ‘e cose a uocchio ‘e puorco
Fare le cose ad occhio di maiale
Si dice a chi fa le cose in modo disordinato, senza alcun impegno o attenzione

E’ gghiuto ‘o puorco dint’ ‘e mele
Il maiale è finito tra le mele
Persone meno meritevoli sono capitate in situazioni a loro favorevoli

Mettere a uno ‘ncopp’ a ‘nu puorco
Mettere uno a cavallo di un porco
Espressione che trae origine dall’antica tradizione di portare le persone alla gogna a dorso di maiale. Viene utilizzata per indicare il denigrare, il fare pettegolezzi malevoli sul conto di qualcuno

Ringrazia’ ‘nu puorco pe’ ‘na cogliandra
Ringraziare un maiale per una ghianda
Espressione utilizzata per indicare che un ringraziamento è assolutamente spropositato rispetto all’entità del dono

All’anema d’ ‘o pere ‘e puorco
All’anima del piede di porco
Intercalare tipico del tipo: “cavoli!” oppure “accipicchia!”

Fa’ carne ‘e puorco
Fare carne di maiale
Detto di coloro che si appropriano di qualcosa che non spetta loro

Me pare ‘o puorco cu ‘a spica ‘mmocca
Sembra un maiale con una pannocchia in bocca
Lo si dice beffeggiando qualcuno panciuto (simile ad un maialino da servire a tavola…)

 

Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.