Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Spaghetti alle vongole e pomodori

0

vermicelli-vongole-e-pomodoriniIntroduzione

Una versione in “rosso” degli spaghetti con le vongole classiche senza pomodoro.

 

 

 

Ingredienti (per 4 persone)

  • 300 g di spaghetti
  • 1 kg di vongole veraci
  • 8 pomodorini di Pachino oppure 4 filetti di pomodoro San Marzano
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 punte di peperoncino
  • 8 cucchiai d’olio d’oliva

Esecuzione
In una pentola bassa e capace fare aprire le vongole. Sgusciarle e metterle con la loro acqua in una terrina.

Nella stessa pentola che intanto avrete pulita mettere l’olio, gli spicchi d’aglio tagliati in senso longitudinale, due puntine di peperoncino (chi non vuole peperoncino si aggiunga del pepe bianco nel proprio piatto) e i pomodorini. Cuocere per cinque minuti e a fine cottura spegnere la fiamma e aggiungere le vongole sgusciate e metà della loro acqua.

In una pentola mettete dell’acqua corrente e l’altra metà dell’acqua delle vongole. Aggiungete poco sale perché di loro le vongole e la loro acqua sono già salate. Ad ebollizione aggiungere gli spaghetti e a fine cottura versarle nella pentola bassa e capace contenete il sugo di pomodoro con le vongole mantecando per un minuto con delicatezza.

Aggiungete il prezzemolo tritato finemente e servite ben caldo.

Nota

Come vino d’accompagnamento tre proposte: una Biancolella di Ischia, un Frassitelli in purezza sempre di Ischia (Napoli) oppure un grande Fiano dei colli di Avellino serviti tutti tra 10-12 °C.


La videoricetta

Mimmo Corcione

Non è un cuoco ma è un grande appassionato di cucina. E’ un buongustaio e buon conoscitore delle ricette tipiche regionali. E’ nato a Boscotrecase (Napoli) il 1946 sotto il segno dell’Acquario e per tutta la sua vita si è dedicato alla matematica e l’informatica. Da quanto è andato in pensione, si dedica con passione a raccogliere antiche ricette e a cucinarle (per i sui cari) nella loro versione originale. Si definisce un “viaggiatore del gusto poco distratto” . Da anni sostiene la battaglia contro il “fast food” e ritiene che anche la preparazione di un semplice panino richieda “arte, passione e tempo”. Ama i Beatles e Hitchcock.

Lascia un commento...