Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Spaghetti nella “Cuppulella” di melanzana alla siciliana

0

spaghetti_cuppulellaUna variazione della pasta alla Norma.

 

 


Ingredienti (per 1 persona)

  • 50 g di spaghetti
  • 1 melanzana rotonda
  • 5 pelati
  • 1 spicchio d’aglio
  • basilico
  • olio d’oliva extravergine
  • 3 fettine di mozzarella
  • ricotta salata o affumicata
  • sale quanto basta

Esecuzione
Prendete una melanzana tonda e tagliatela a metà. Di una metà fate dei dischetti. Con uno scavino togliete la polpa di mezza melanzana. Userete due pentole: una per friggere una dadolata di melanzana e l’altra per fare il sughetto al basilico.
Per friggere in olio profondo  la “cuppulella”, ovvero la mezza melanzana scavata, portate la temperatura dell’olio a 180°C quindi immergete la “cuppulella” e friggetela da un lato e poi dall’altro. La melanzana dovrà essere bionda, la togliete dall’olio e la farete asciugare, con della carta assorbente, dall’olio in eccesso.
Nello stresso olio friggete la dadolata di melanzana ricavata dai dischetti di mezza melanzana. Per il sugo un fondino d’olio, poi l’aglio, quindi il pomodoro e alla fine il basilico. Quando il sugo è pronto, spegnete la fiamma e versate in esso la dadolata di melanzana fritta e lasciate insaporire il tutto. Ora mettete in una pirofila rotonda e a forma concava la “cuppulella” di melanzana fritta che diventerà un contenitore naturale. In questo contenitore mettete due manciate di parmigiano grattugiato. Nel frattempo grattugiate la ricotta salata magari a scagliette.
Cuocete gli spaghetti, una volta cotti prendeteli con una pinza e tuffateli nel sugo di melanzane e pomodoro, mescolate ben bene.
Sul fondo della “cuppulella” mettete uno strato di spaghetti, quindi tre fettine di mozzarella e delle foglie di basilico, coprite poi con i rimanenti spaghetti, Sulla sommità spargete la ricotta salata a scaglie. Infornate a 180°C per 4-5 minuti, giusto il tempo per fondere la mozzarella. Fate riposare un po’, quindi tuffatevi nella “cuppulella” e buon appetito.

 

Mimmo Corcione

Non è un cuoco ma è un grande appassionato di cucina. E’ un buongustaio e buon conoscitore delle ricette tipiche regionali. E’ nato a Boscotrecase (Napoli) il 1946 sotto il segno dell’Acquario e per tutta la sua vita si è dedicato alla matematica e l’informatica. Da quanto è andato in pensione, si dedica con passione a raccogliere antiche ricette e a cucinarle (per i sui cari) nella loro versione originale. Si definisce un “viaggiatore del gusto poco distratto” . Da anni sostiene la battaglia contro il “fast food” e ritiene che anche la preparazione di un semplice panino richieda “arte, passione e tempo”. Ama i Beatles e Hitchcock.