Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Ultimi arrivi… (1° maggio 2016)

0

Ultimi-Arrivi

Abbiamo caricato nel nostro database nuovi proverbi e modi di dire.

Se ne cerchi uno in particolare, usa il motore di ricerca dedicato, che trovi in tutte le pagine del nostro portale.

Se ne hai qualcuno da proporre, scrivici alla nostra casella di posta: redazione@dettinapoletani.it.


 Proverbi e detti

A femmena senza grazia è ‘na menesta senza sale
La donna senza grazia è una minestra senza sale
La donna senza charme non crea attrazione

‘A femmena tene cchiù capricce ca ricce
La donna fa più capricci dei ricci che ha in testa
La donna è capricciosa (con o senza riccioli)

Quann’ ‘o cavallo nun vò vevere aje voglia ‘e siscà
Quando il cavallo non vuole bere è inutile che fischi
Inutile insistere con le persone testarde: è tempo perso

Pasca d’ ‘e fiore, se ‘ngegnano ‘e signure; Pasca d’ ‘e casatièlle, se ‘ngegnano ‘e puverielle
Per la Pentecoste, si vestono a nuovo i signori; per Pasqua, i poveretti
Una volta era così, ora non più

P’avè piatà ‘e l’ate, ‘e ccarne mje s’ ‘e mmagnajeno ‘e cane
Per avere pietà degli altri, le mie carni le mangiarono i cani
Mai abbondare nella pietà e nella carità umana: se ne pagano le spese!

Espressioni e modi di dire
S’ ‘o sta magnanno cu l’uocchie
Se lo sta mangiando con gli occhi
Quando qualcono desidera qualcosa fortemente e con ardore

Scetate Carulì ca l’aria è ddoce
Svegliati Carolina che l’aria è dolce
Rivolto a  chi ha la testa fra le nuvole

Pure ‘o ciuccio è ommo
Anche l’asino è maschio
Bisogna capire la differenza tra maschio e uomo: il primo definisce un essere, l’altro la consistenza di una persona

Puozze vollere e malo cocere
Che tu possa bollire e cuocere male
Maledizione che si rivolge a qualcuno, augurandogli di soffrire senza ottenere ciò che vuole

Pascale, saglie p’ ‘a fune e scenne p’ ‘a scala
Pasquale, sale con la fune e scende per le scale
Così apostrofiamo chi perde tempo nel fare cose inutili

Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.