Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Ultimi arrivi… (3 novembre 2015)

0

Ultimi-Arrivi

Abbiamo caricato nel nostro database nuovi proverbi e modi di dire.

Se ne cerchi uno in particolare, usa il motore di ricerca dedicato, che trovi in tutte le pagine del nostro portale.

Se ne hai qualcuno da proporre, scrivici alla nostra casella di posta: redazione@dettinapoletani.it.


Detti e Proverbi

‘A femmena lenguta vo’ essere vattuta
La donna pettegola vuole essere picchiata
E’ talmente fastidiosa una donna “linguacciuta”, ossia che parla troppo che verrebbe voglia di picchiarla

‘A femmena ‘nfenesta nun fa maje festa
La donna alla finestra non fa mai festa
Per la donna che passa il suo tempo alla finestra le giornate sono tutte ugual

Pigliate l’ommo ‘e stoppa quanno ‘a sciorta te va ‘mpoppa
Prenditi l’uomo di stoppa quando la sorte ti va in poppa
Quando le cose girano bene non c’è bisogno di alcun support

Pe’ ghjulìo ‘e larde, vasa ‘ncul’ ‘o puorco
Per avere il lardo, bacia il sedere del maiale
Quando si vuole otteenre qualcosa, non occorre andare tanto per il sottile

Pe’ mancanza d’uommene se fanno ‘e ciucce cape e casa
Per mancanza di uomini si nominano gli asini capi di casa
In mancanza di personaggi di spessore, spesso a ricoprire ruoli di responsabilità sono i più stupidi

Espressioni e modi di dire

Tene ‘a cazzimma ca le jiesce ‘a fora
Ha la cattiveria che gli esce da fuori
Ha una furbizia esagerata

T’aggia ‘mparà e pò t’ aggia perdere!
Ti devo istruire e poi ti devo perdere!
Lo si dice a chi stiamo formando, sapendo che presto lascerà il lavoro che si sta facendo

Pare ‘o cannone ‘e miezejuorno
Sembra il cannone di mezzogiorno
Così viene indicato chi ha un gran vocione

Parle comm’ ‘a ‘nu libbro stracciato
Parli come un libro strappato
Non ti capisco quando parli

Passato ‘o santo, passata ‘a festa
Passato il santo, passata la festa
Trascorso il momento giusto, occorre attendere una nuova occasione

Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.