Detto
Ad litteram
Significato
Keywords
Filter by Custom Post Type
Filter by Categories
Categorie
altro
amicizia
amori
animali
arti
campagna
casa
comportamenti
comprare
coniugi
donna
economia
famiglia
figli
fortuna
furbizia
gioventu
lavoro
leggi
luoghi
maledizioni
mare
medicine
pericoli
personaggi
purezza
relazioni
religione
ricchezza
stagioni
suggerimenti
uomo
vecchiaia
vendere
wellerismo
Tipologie
detti
espressioni
lemmi

Via Donnalbina, Largo Donnaregina e vico Donnaromita: cosa lega queste tre vie?

0
Via Donnalbina
Via Donnalbina

Via Donnalbina: da via Monteoliveto a via Ecce Homo

Vicoletto Donnalbina: da via Santa Maria la Nova a via Donnalbina

Quartiere: San Giuseppe

 

 

Largo Donnaregina
Largo Donnaregina

Largo Donnaregina: tra via Donnaregina e via SS. Apostoli

Via Donnaregina: dal largo Donnaregina a via Duomo

Vico Donnaregina: da largo Settembrini a via Donnalbina

Vicoletto Donnaregina: dal largo Donnaregina a via Duomo

Quartiere: San Lorenzo

 

Vico donna romita-srl
Vico Donnaromita

Vico Donnaromita: da piazzetta Nilo a via Giovanni Paladino

Quartiere: Porto

 

 

 

Parliamo di tre diversi toponimi, situati in tre diversi quartieri di Napoli, sui quali esistono storie contrastati che proviamo a raccontarvi.

Matilde Serao

Attingiamo ad una fonte attendibile, quella di Matilde Serao che nelle sue “Leggende Napoletane”, pubblicate del 1881 ci racconta di un’antica leggenda che parla di tre ragazze: donna Albina, donna Romita e donna Regina.

Secondo la grande scrittrice la leggenda racconta che Donna Albina era una delle figlie del barone Toraldo, appartenente ad nobile famiglia del Seggio di Nilo. Il barone non aveva figli maschi, ma chiese ed ottenne dal re che il cognome della sua famiglia fosse tramandato dalla prima figlia, Regina.

Alla morte del padre, avvenuta nel 1320, la seconda figlia, Albina, aveva appena diciassette anni, e fu così chiamata per il meraviglioso pallore del suo stupendo viso.

Un giorno il re Roberto scrisse a Donna Regina Toraldo comunicandole che l’aveva promessa in sposa a don Filippo Capece, appartenente ad una nobilissima famiglia napoletana, giovane peraltro dotato di particolare fascino seduttivo.

Fu così che tutte e tre le sorelle, appena fatta la sua conoscenza, ne furono profondamente innamorate, cosa che, tra brave consanguinee si confesserano reciprocamente, dando inizio ad un periodo di crisi esistenziale, acuita dal fatto che il nobiluomo si era frattanto invaghita della Terza, Romita!

Fu così che nella notte di Pasqua di quel triste 1320 le due sorelle minori chiesero alla primogenita di fondare un convento, la quale non potè fare a meno di seguirle.. a ruota!

Le sorelle erano tre ma i conventi fondati solo due: Donna Regina e Donna Romita, al quale si aggregherà la terza sorella Albina.

Peraltro esiste un’altra autorevole fonte, quella di Gennaro Aspreno Galante, un sacerdote che scrisse, tra gli altri, Guida Sacra di Napoli, nel 1872 che si rifà ad una fonte certa: una Cronaca napoletana scritta nel trecento da Giovanni Villani nella quale il prelato cita tre gentiluomini Albino, Pietro e Avorio talmente importanti da dare il nome alle zone nelle quali abitavano.

Storie e leggende non confermate: fatto sta che le tre vie fanno ora parte della toponomastica cittadina.

Dove si trovano?

 
Giovanni Vitiello

Orgogliosamente napoletano, da tempo emigrato consapevole, è un dirigente di un gruppo bancario internazionale e si occupa di comunicazione e gestione della conoscenza aziendale. Vive tra Milano (lavoro) e Verona (famiglia) ed è tra i promotori dell'iniziativa "Dettinapoletani". Ha due grandi passioni: Napoli e il Napoli.